lunedì 6 marzo 2017

SARDEGNA 6 - 8 MARZO 2017 STAGE SULLA GESTIONE DELLA CHIOMA DEGLI AGRUMI


CLICCA PER SCARICARE 
LE DISPENSE DEL CORSO IN PDF

SARDEGNA 6 - 8 MARZO 2017 
STAGE SULLA GESTIONE DELLA CHIOMA DEGLI AGRUMI

CONSULTA FRESH PLAZA

Previste in Sardegna due giornate tecniche sulla gestione della chioma degli agrumi. I corsi di potatura sono promossi dal Consorzio Vivaisti Lucani, a cura degli Agronomi Vito Vitelli Orazio Casalino.


6 marzo 2017 SOLARUSSA (OR) 
Programma
Ore 14,00 Raduno Bar/Circolo dello Sport - Corso Fratelli Cervi, 93 - Solarussa (OR)
Ore 14,30 Trasferimento presso l’“Azienda Agricola F.lli “Puggioni” Agro di Solarussa (OR)
Ore 14,30 Inizio dello stage di approfondimento sulla gestione della chioma degli agrumi


8 marzo 2017 SAN PRIAMO (CA) 
Programma
Ore 14,00 Raduno Bar Number One - EX S.S. 125 Km 54,020 a San Priamo (CA) (clicca per info su come arrivare)
Ore 14,30 Trasferimento presso presso l’“Azienda  Agricola “Cattoir” Agro di San Priamo (CA)
Ore 14,30 Inizio dello stage di approfondimento sulla gestione della chioma degli agrumi

Gli stage si articoleranno nel modo seguente:
Distribuzione di materiale informativo;
Introduzione al corso con cenni di morfologia e fisiologia delle piante di agrumi;
Prove dimostrative di potatura di formazione della chioma e di preparazione
della pianta alla fruttificazione;
Esercitazione di potatura in gruppo;
Esercitazione di potatura individuale per affinamento della tecnica.


Le prove si svolgeranno su piante di arancio, limone e mandarino-simili di diversa età;
Si consiglia di indossare calzature adeguate al lavoro, camice e guanti di protezione;
Previsto il rilascio di attestato di partecipazione
Per la partecipazione, a numero chiuso, è necessaria la prenotazione

Per info e prenotazione:
Vito Vitelli +39 339 251 1629 
Orazio Casalino +39 333 166 59 57

venerdì 24 febbraio 2017

REGGIO CALABRIA: STAGE POTATURA AGRUMI 1 MARZO 2017

REGGIO CALABRIA
STAGE DI APPROFONDIMENTO SULLA GESTIONE DELLA CHIOMA DEGLI AGRUMI

a cura dell’Agronomo Vito Vitelli

Ore 7,30. Raduno presso B&B il Girasole Via Roma 1, Laureana di Borrello, (Reggio Calabria) (clicca per info su come arrivare)

Ore 8,00. Trasferimento presso l’Azienda Agricola “Arcieri Rosa” Agro di Serrata (Reggio Calabria)


Ore 8,30. Inizio dello stage "Approfondimento sulla gestione della chioma degli agrumi"


  • Distribuzione di materiale informativo.
  • Introduzione al corso con cenni di morfologia e fisiologia delle piante di agrumi.
  • Prove dimostrative di potatura di formazione della chioma e di preparazione della pianta alla fruttificazione;
  • Esercitazione di potatura in gruppo
  • Esercitazione di potatura individuale per affinamento della tecnica.
Durata del corso 6 ore, di cui 2 ore pomeridiane dopo la pausa pranzo.
Le prove si svolgeranno su piante di arancio e mandarino-simili di diversa età.
Si consiglia di indossare calzature adeguate al lavoro, camice e guanti di protezione.


Previsto il rilascio di un attestato di partecipazione e un paio di pratiche forbici da pota modello "Castellari Ergonomic".

Partecipazione a numero chiuso, è necessaria la prenotazione


QUOTA DI PARTECIPAZIONE 
130,00 EURO/PERSONA


(clicca per visualizzare altri corsi del 2017)

Per info e prenotazione:
Vito Vitelli +39 339 251 1629 

mercoledì 22 febbraio 2017

STAGE SULLA GESTIONE DELLA CHIOMA DEGLI AGRUMI ANNO 2017

 
STAGE SULLA GESTIONE DELLA CHIOMA DEGLI AGRUMI ANNO 2017

PER INFO e PRENOTAZIONI 

+39 339 25 11 629
 
Dalla Sicilia alla Sardegna, dalla Calabria al Lazio, passando per la Campania, Puglia e Basilicata, si svolgeranno, nei mesi di marzo e aprile 2017, i corsi sulla potatura degli agrumi, per iniziativa del Consorzio Vivaisti Lucani a cura dell’Agronomo Vito Vitelli.
 
 
Molte aziende agrumicole scelgono di investire sulla formazione del proprio personale per garantire una corretta gestione della chioma delle piante di agrumi.
Potare non significa “tagliare rami” per conferire una bella forma finale all’albero.
 
 
Partendo dallo studio dei fondamenti di fisiologia vegetale e dalle conoscenze del portamento (habitus) della pianta, gli interventi cesori devono mirare ad un rimodellamento della chioma al fine di assicurare un giusto equilibrio tra attività vegetativa, quindi rinnovo della chioma, e sviluppo dei rami predisposti alla fruttificazione.
 
Potatura di formazione e produzione per le giovani piante (1-5 anni), e potatura di produzione e rinnovo per piante adulte.

Al termine dello stage è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione

Ai corsisti sarà fornita una dispensa sui fondamenti della potatura degli agrumi

martedì 17 gennaio 2017

L'ARANCIA "AMICA" DEL CUORE

https://www.youtube.com/watch?v=4j-F-QZMgeU

L'ARANCIA "AMICA" DEL CUORE
 
L’arancia protagonista del programma TEMPO&DENARO”, su RAI 1, nel corso della puntata del 25 gennaio 2017.
Rimedio per prevenire molti disturbi alla salute, in particolare al sistema circolatorio.
In Italia la coltivazione dell’arancio si estende su una superficie di 70 mila ettari (www.ismea.it), che rappresentano il 60% della superficie totale investita ad agrumi.


I 2/3 degli aranceti italiani si trovano in Sicilia.

Al consumo fresco sono destinate 1 milione di tonnellate di arance all'anno.
Una media di 15-18 kg/persona/anno.


Le arance sono i frutti dalla pianta dell’arancio (Citrus sinensis), non è una vera e propria “specie”, ma un ibrido di origine antichissima che si pensa derivi dall’incrocio fra pomelo e mandarino.




Frutto di "Pomelo"  



Frutto di "Mandarino"

Anche se nell’immaginario collettivo l’arancio è legato a zone come la Sicilia o la Spagna la sua origine geografica è il sudest asiatico e, in particolare, la Cina.
Da queste zone arrivò in Europa solo in epoca medievale, portato dai marinai portoghesi. Probabilmente l’arancio era coltivato anche all’epoca dei Romani, ma solo in Sicilia come pianta ornamentale.



Il frutto dell’arancio si chiama “esperidio”, è una speciale tipologia di bacca.



La parte esterna, buccia, scorza o pericarpo, a maturazione è di colore intenso fra il giallo e il rosso-aranciato.

La parte interna, endocarpo, polposa e commestibile, è suddivisa in logge, spicchi, ricca di succo di colore giallo, arancione o rosso.
Può contenere semi o essere totalmente priva (frutto apirene).


La parte centrale, albedo, di colore bianco e molto spugnosa.


Le arance per il consumo fresco sono tutte di categoria dolce.

I frutti dell’arancio amaro, o melangolo, caratterizzati da un gusto forte e intenso e sapore amaro, sono utilizzati prevalentemente per marmellate, canditi, in cosmesi e in fitoterapia.





Le arance dolci si suddividono in due grossi gruppi.



Arance a polpa bionda, tra le varietà più diffuse in Italia Fukumoto, Navelina, (a maturazione medio precoce da ottobre a dicembre), Washington Navel, Brasiliano di Ribera, prodotta a Ribera nell’agrigentino (a maturazione medio precoce medio-tardiva da gennaio a marzo), e Lane Late e Valencia Late (a maturazione tardiva da aprile a giugno)


Negli impianti di oltre 50 anni è presente una vecchia varietà il Biondo Comune. La polpa è spesso ricca di semi.

Calendario di maturazione delle varietà di arancio.
(clicca sulla foto per ingrandire)

Al gruppo “Navel”, dall’inglese ombelico” appartengono varietà di arance che presentano un tipico frutto gemello. L’ombelico altro non è che un’arancia “gemella” poco sviluppata situata all’interno del frutto e posizionata nella parte apicale, opposta al peduncolo.


Polpa rossa. Tra le varietà Moro, Tarocco e Sanguinello.
Il periodo di maturazione va da gennaio ad aprile.


La colorazione della polpa è dovuta alla presenza di particolari sostanze chiamate antociani o antocianine il cui contenuto varia a seconda delle condizioni ambientali.


In Italia le arance pigmentate sono coltivate principalmente in un'area compresa tra le province di Catania, Siracusa e in parte Enna. Questa parte della Sicilia è l’unico posto al mondo dove le arance pigmentate esprimono il top delle qualità organolettiche per effetto delle forti escursioni termiche, tra il giorno e la notte, generate dall'Etna.


Alcune varietà hanno semi (bionde comuni, Valencia, Sanguinelli) altre sono completamente prive di semi e si definiscono apirene (varietà del gruppo Navel, Tarocchi, Moro).

Gli aranci, oltre che in Sicilia, sono coltivati in Calabria, nell’area del reggino, nell’arco ionico metapontino, tra le province di Cosenza, Matera e Taranto, e nel Sud della Sardegna, prevalentemente Sarrabus.



Tra le varietà maggiormente presenti sul mercato, prodotte dagli agrumicoltori italiani, del gruppo “ombelicate” abbiamo Navelina, Newhall, Brasiliano di Ribera, Washington Navel, Lane Late.

Tra le pigmentate Tarocco e Moro. Valencia tra le tardive.


In inverno sono più frequenti i casi di influenza e la sostanza che maggiormente previene questi malanni è l’acido ascorbico, ovvero la meglio conosciuta Vitamina C.


Non a caso la natura mette a disposizione ciò che serve proprio nei momenti giusti!
L’arancia è un vero e proprio “inno alla salute e al buonumore” in quanto innalza, già dopo il primo spicchio, la capacità di resistenza alle aggressioni microbiche dell’organismo.


Già dal momento in cui sbucciamo un’arancia, siamo colpiti dal profumo della buccia ricca di aromi e di oli essenziali

Questi ultimi sono anche impiegati in fisioterapia per combattere l’insonnia.

Il frutto dell'arancia contiene l’88% di acqua, i glucidi (zuccheri) sono presenti in ragione di circa il 7-10%, in funzione delle varietà, il contenuto proteico intorno al 0,7%, quello lipidico dello 0,2%, mentre il resto è rappresentato da vitamine e sali minerali.


Per assimilare al meglio tutti i suoi principi nutrizionali, in particolare la vitamina C, l’ideale sarebbe consumare l’arancia da sola, senza altra frutta o altri alimenti (lontano dai pasti). Inoltre facilità l’assorbimento del ferro.

L’ARANCIA ITALIANA?
MANGIALA CHE TI PASSA!!


interessantissimo video!!
"MANGIA CHE TI PASSA"
LE SCELTE NUTRIZIONALI COME ARMA POTENTE
PER DIFENDERE LA NOSTRA SALUTE.

Suggerimenti preziosi di uno scienziato italiano di fama mondiale